Bite: quando una postura scorretta nasce dalla bocca - Clinica Odontoiatrica Mancini
17268
post-template-default,single,single-post,postid-17268,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Bite: quando una postura scorretta nasce dalla bocca

Bite

Bite: quando una postura scorretta nasce dalla bocca

 

Sai che in Italia il mal di schiena colpisce circa 15 milioni di persone e rappresenta la causa più frequente di assenteismo dal lavoro? Ma da cosa derivano dolori alla schiena e conseguenti disagi? Non sempre si tratta di eventi traumatici e improvvisi, anzi, a provocare il dolore sono per lo più abitudini costanti e ripetute che, apparentemente innocue possono provocare profondi danni.

 

Bite

 

Bite-1Una malocclusione dentale può provocare disturbi all’intero sistema posturale. Essendo infatti strettamente collegati articolazione mandibolare e muscoli di collo e schiena quando l’arcata dentale non coincide può portare a problemi che possono espandersi anche a livello posturale e provocare dolori alla schiena.

 

Lo gnatologo si occupa del funzionamento dei mascellari, dei denti e dell’articolazione mandibolare e la soluzione per “rilassare” i muscoli dell’ATM si trova in una piccola mascherina trasparente: il bite. Realizzato su misura in base alle impronte del paziente è capace di contrastare i problemi di una scorretta occlusione delle arcate dentarie perché, una volta collocato nella bocca, è in grado di portare la mandibola nella posizione corretta.

 

 

Il bruxismo

BiteSi tratta di una patologia che porta inconsciamente a stringere i denti in momenti di particolare sforzo o stress o durante la notte. Se il digrignamento diventa un fattore costante e continuato questo provoca un sovraccarico del muscolo mandibolare, disallineamenti delle arcate e uno sfregamento dello smalto.

 

Anche in caso di bruxismo il bite rappresenta una valida soluzione. Pratico da usare, lavabile in acqua fredda con un semplice spazzolino da denti e del dentifricio, si conserva in un’apposita custodia e si mette solitamente prima di andare a letto.

 

 

Il bite sportivo

Quando si è concentrati, tesi o nervosi quasi inconsciamente stringiamo i denti. Per un atleta, quando si allena o gareggia questo movimento è frequente e naturale e involontario. Nonostante questo meccanismo sia naturale infatti, il serrare i denti e i mascellari induce compressione dei muscoli della mandibola innescando il rilascio in eccesso di ormoni come il cortisolo minando la performance; ciò produce stress, stanchezza e distrazione.

 

Il bite diventa quindi lo strumento in grado di migliorare in maniera naturale le prestazioni degli atleti, proprio perché bilanciando l’occlusione, riequilibra la postura, ripristina la coordinazione motoria migliorando l’efficienza e il rendimento fisico, garantendo un minor consumo di energia e una migliore espressione della forza fisica e mentale.

 

Bite

 



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi